sabato 23 gennaio 2016

I barattoli delle emozioni - Intelligenza emotiva per un figlio

Da tempo leggo su siti e blog di attività ispirate da Maria Montessori, tra queste ne ho trovata una molto interessante: il barattolo della calma. L'idea è quella di riempire una bottiglia o un barattolo con acqua, glitter e oggetti luccicanti. Il principio, simile alle sfere capovolgibili con effetto neve, è quello di farlo agitare al bambino arrabbiato in modo che osservando il movimento nel barattolo si calmi distogliendo la sua attenzione dal motivo di rabbia. Ilaria è sempre stata molto collerica e capricciosa e dopo la nascita del fratellino non sapevo come fare a calmarla in certi momenti.
Un po per intuizione un po per ispirazione e un po per letture varie sono arrivata a qualcosa di simile che la aiutasse e aiutasse anche me.
In questo senso è stato illuminante il libro di John Gottman, Intelligenza emotiva per un figlio, Bur, 1997, che vi consiglio di leggere perchè semplice e chiaro e può aiutare ogni genitore.

 
La chiave per essere genitori di successo non si trova in teorie complesse...[...]essa si trova nei sentimenti più profondi di amore e di affetto per i figli e si dimostra semplicemente, attraverso l'empatia e la comprensione.

Il film Disney Inside Out rafforza questo momento in cui bambini e genitori hanno necessità di intelligenza emotiva e di allenamento emotivo.
 
Partire dal riconoscimento delle emozioni è il primo passo per diventare allenatori emotivi.
 
Così ho deciso di realizzare con Ilaria i barattoli delle emozioni per aiutarla a conoscere e riconoscere le emozioni che prova.

 

Abbiamo preso quattro barattoli, mangiandoci prima le patatine, e  li abbiamo decorati e nominati.
Ilaria ha colorato delle strisce di carta con colori a cera ed io ho scritto le etichette, insieme poi le abiamo incollate. Ilaria ha attribuito ad ogni emozione un colore ed ha scelto anche le emozioni che riteneva più importanti.
Ora, quando mi accorgo che è molto arrabbiata o felice o triste o spaventata le chiedo di riconoscere l'emozione che prova e di inserire nel barattolo corrispondente una moneta colorata. per lei ovviamente è un gioco simpatico che però la indirizza e la calma, per me è un modo per capire quello che prova.
 
Già il primo giorno, individuato il momento di rabbia, questa si è smorzata come per magia dopo l'inserimento della monetina!

4 commenti:

  1. Ciao! Ho trovato questo articolo facendo una ricerca e mi è piaciuto molto. POsso chiederti quanti anni ha la bimba? La mia ha due anni e non so se sarebbe già in grado di individuare le emozioni. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao a te e benvenuta! La mia bimba aveva tre anni quando è nato il fratellino e questi barattoli li abbiamo fatti a 4 anni. Non è mai troppo presto per cominciare a riconoscere le emozioni però. Il fratellino che ha da poco compiuto due anni riconosce già diverse emozioni indicandole e imitandole sui suoi libri con facce di bimbi. In base alle capacità ma soprattutto alle potenzialità dei nostri bimbi si possono introdurre molte cose. Io ti consiglio di cominciare con la rabbia che è quella che sicuramente vedrai più spesso aiutandola così anche ad affrontarla. Buon lavoro!

      Elimina
  2. Articolo molto interessante, io ho scoperto un cartone animato molto carino Daniel Tiger che attraverso le canzoni ha una per ogni occasione ...quando sei arrabbiato e non sai cosa fare.fai un bel respiro fino a 4 puoi contar

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...